Monthly Archives maggio 2014

BESTIE LETTERATE : I Letteratti

Scritto da Francesco Corigliano

Nel tumultuoso periodo degli anni Duemila ebbe particolare spicco il movimento dei Letteratti, scrittori  roditori che si affermarono nel panorama in subbuglio della letteratura italiana e che seppero dare vita ad una nuova corrente particolarmente prolifica e contagiosa.

Partendo dal presupposto che la scrittura dei topi era sempre stata sottovalutata e accantonata dalla critica, a causa – si diceva – di un pregiudizio culturale legato perlopiù alla peste bubbonica e ai saccheggi di granai, i Letteratti proposero alcuni nuovi modelli (in tutti i campi, specie quelli coltivati) che tagliavano nettamente col passato, instillando il seme della rivoluzione al suon di incisivi.
I Letteratti si chiamavano originariamente “Letteratti del ‘23”, data in cui avrebbe dovuto aver luogo un meet...
Read More

Lost (anche) in traslation

Scritto da Francesco Corigliano

L’altro giorno leggevo sull’ANSA questo articolo, che parla della nuova tecnologia per tradurre simultaneamente su Skype. Chiaramente hanno ancora da lavorare, ma quando sarà tutto pronto sarà possibile parlare con persone proveniente da tutto il mondo, senza conoscere la loro lingua, e capendosi perfettamente (o quasi).
Questa notizia ha suscitato in me emozioni di tipo diverso.
La prima cosa che mi è venuta in mente è che si perderà il gusto dell’imparare altre lingue. Già sguazziamo in una società che ritiene che il farsi capire immediatamente dall’altro sia molto più importante che il capire l’altro stesso, ci mancava pure questa nuova trovata...
Read More

Ben poco merito nella virtù e ben poca colpa nell’errore

Scritto da antecritica

Pubblichiamo l’intervento di Alessandra Pappaterra, letto in apertura dell’incontro con Salvatore Borsellino del 23/05/2014 a Spezzano Albanese, a cui erano presenti classi di scuole medie e superiori.

Cari ragazzi,

dopo cancellature, incertezze e discorsi preparatori, ho deciso di introdurvi al discorso del Dott. Salvatore Borsellino, indirizzandovi una sorta di lettera prefatoria.

Ringrazio Domenica Milione che lo scorso anno, quando sono andata a bussare alla porta della biblioteca proponendole un incontro sulla legalità ha subito abbracciato il mio progetto.

Abbiamo avuto molto tempo a disposizione per organizzare l’evento, forse anche troppo...

Read More

La veglia

Scritto da Francesco Corigliano

Tutti al funerale mi guardavano con aria strana, qualcuno addirittura sgranava gli occhi al mio passare: la cosa mi metteva molto in soggezione, ma dopo un po’ di tempo avevano smesso di fissarmi.
Devo avere propria un’aria stralunata, pensavo. In effetti, mi dicevo, la dipartita del povero zio mi ha molto colpito, avrò un aspetto stravolto.
Mi sedetti in prima fila per dare l’idea del nipote affezionato, accanto a quella cugina che proprio non sopporto, boriosa snob che non è altro, e alla zia di cui non ricordo mai il nome. Ida, forse.
 Non è che non mi importasse realmente dello zio, però, è che in quel momento avevo voglia di mostrarmi coinvolto. Tutto qui.
Non lo so perché...
Read More

Per aspera ad astra

Scritto da Francesco Corigliano

Scrivo queste cose a rischio di apparire retorico; ma, ormai, oggi mi sembra che chiunque parli di futuro non possa che apparire retorico.
Ieri mattina ero ad un convegno sull’antimafia, organizzato dalla mia ragazza. Era presente Salvatore Borsellino, fratello di quell’altro Borsellino morto nelle circostanze che tutti conosciamo. Per una voluta coincidenza, poi, era anche l’anniversario della strage di Capaci, in cui ha perso la vita un altro uomo famoso per la lotta alla criminalità organizzata.
Non mi va tanto di parlare della legalità, o della giustizia...
Read More

LA LETTERATURA FA SCHIFO

Scritto da Francesco Brancati

Articolo di Francesco Brancati (fbrancati.fl@gmail.com)

La letteratura fa schifo quando pretende di essere lo specchio dei buoni sentimenti e delle più alte qualità dell’essere umano, asserendo di trovar queste in un astratto quanto generico contenitore di simboli, idee, false speranze, nel sicuro porto della tradizione solipsistica; ipocritamente incurante del guazzo e della stasi, dove tutti, oggi, versiamo. Scrittori inclusi.

La letteratura fa schifo quando chi la pratica tenta di mascherare la miseria della sua fantasia e del suo reale bisogno di dire dietro un algido processo archeologico, tendente al recupero – i più scaltri parlano di rifunzionalizzazione – di forme e di stili, di strutture e di fabule, vetuste probabilmente già al tempo del loro primo stare al mondo – in q...

Read More

(Cit.)

Scritto da Annarita Lista

Articolo di Annarita Lista
Premetto che userò impropriamente il termine citazionismo che, da classica enciclopedia Treccani, è la tendenza a inserire come “citazioni” elementi appartenenti a stili e scuole precedenti; non mi riferirò neanche all’Appropriation Art, voglio solo offrire una carrellata delle tipologie più diffuse di coloro che sui social network pubblicano indiscriminatamente citazioni sbagliate o di falsa attribuzione.
Ottimo come artificio nei film e nelle opere letterarie, la citazione – quando colta – ha il grande pregio di farci sentire particolarmente intelligenti...
Read More

Lo sgambetto

Scritto da Francesco Corigliano

 Qualche giorno fa sono inciampato. Ero in giardino e stavo camminando sul prato, quando ho colpito qualcosa col piede e sono quasi caduto. Per fortuna non ho perso del tutto l’equilibrio. È stato, credo, perché ho una certa padronanza del mio corpo. Sempre avuta. Comunque mi sono girato e ho cercato per terra il punto in cui ero incespicato.
C’era una pietra, piccola, mezza coperta dall’erba. Mai vista prima. Mi ha dato molto, molto fastidio. Molta rabbia, direi. L’avrei voluta prendere e lanciare via, in alto nel cielo, nello spazio. Però mi sono limitato a darle un calcio.
Non l’avessi mai fatto. Le stelle le ho viste io, non lei. La pietra è rimasta al suo posto, tranquilla, mentre le mie ossa del piede si son tutte spostate. Lussate, credo, almeno tre dita. L’alluce no...
Read More

Serpenti e Malerba

Scritto da Francesco Corigliano

Lo sperimentalismo è interessante anche perché impone nuovi metri di valutazione. Prendiamo Il serpente, di Malerba.
A proposito di questo autore si parla spesso di tendenza giallistica. Beh, può anche essere – nel romanzo si può forse parlare di indagine, dal momento che il protagonista tenta di individuare nelle persone attorno a sé, e nel mondo, delle corrispondenze che spieghino certi fatti, certe coincidenze. Commerciante di francobolli, adultero, l’ignoto personaggio principale (nonché narratore) trascina un’esistenza soffocante, immersa nel nulla, cercando di trovare un senso alle cose del mondo – un mondo da cui si sente rifiutato, e che soprattutto rifiuta, aspirando ad una fuga attraverso i cieli, con gli angeli e gli aeroplani.
E la sua indagine, se così la si p...
Read More

PERISTALSI SOCIALI – Ogni mamma è bella allo scarrafone suo

Scritto da antecritica

Articolo di Alessandra Pappaterra

Ormai sembra di scivolare nella retorica ogni qual volta si decide di vomitare avversioni contro gli ultimi trend che compaiono sui social network. Io, di mio, cerco di guardare avanti e lasciar perdere gli obblighi “morali” che spopolano nei giorni festivi; ma ci sono dei momenti in cui l’acidità (fortunatamente) prende il sopravvento sull’indifferenza, e viene naturale mettere nero su bianco le peristalsi sociali che mi fanno (purtroppo) render conto di quanta amarezza è contenuta nei miei ghiribizzi (spazi inclusi!).
Oggi, come da non so quanto tempo, ricorre la Festa della mamma. È mai possibile oh porco di un cane che non riusciate a regalare in religioso silenzio una scatola di cioccolatini o dei fiori senza postare la foto del bottino, co...
Read More