Fatti buona nomina e scassa chiese  

Scritto da Nunzia Procida

10732521_10204218637018082_2112632931_oIl prodotto più esportato da Napoli nel mondo non è stata, come si tenderebbe a credere, la pizza né la musica né sono stati gli spaghetti: è stata la sua immagine. Per quanto questa immagine si sia formata nella mente dei singoli essa si è nel tempo alimentata, sedimentata nella dimensione collettiva creandone, così, lo stereotipo.

Se gli scatti dei turisti e le cartoline hanno messo l’accento sui topoi della città – il Vesuvio, la pizza, il mandolino, Pulcinella e gli scugnizzi – le fotografie della cronaca nera hanno restituito una rappresentazione di un contesto degradato al solo fatto delittuoso e per esso alla sinaptica associazione del morto ammazzato dalla camorra. Napoli diventa, quindi, agli occhi del mondo un luogo dove può accadere di tutto: Eduardo De Filippo, nella sua Napoli Milionaria!, evidenzia come si legittimi qualunque impresa criminale semplicemente collocando l’improbabile accaduto nella città partenopea.

 

Gennaro (Ad Amedeo) Vaie ‘e pressa?

Amedeo   (esitante) No.

Gennaro   (a Ciappa) E già. (Al figlio) Assettate.

Amedeo, un po' colpito, quasi macchinalmente siede.

Pecché mmiez’ ‘o mbruoglio ‘e na guerra, ‘a de­linquenza vene a galla. Cuntrabbandiere, accaparra­tori, truffatori… Circulazione con permessi irregolari, documenti falsi… Mariuole d’automobile…

Amedeo trasale.10728879_10204218640818177_1803520942_n

E io me ricordo sempe chello ca vuie me dicisteve chillu iuorno ca io facevo ‘o muorto : «è sacrile­gio a tucca’ nu muorto… ma è cchiu sacrilegio a mettere ‘e mmane ncuollo a nu vivo comme a te». Cierti cose se compatisceno… E vuie perciò nun me mettisteve ‘e mmanette. Se capisce… Sta gente è viva, stu popolo è vivo, s’ha da difendere ‘e na manera? ‘O truffatore si t’ ‘a sape fa’, tu dice : – «Va bene, m’ha fatto scemo, ma insomma ha truvato nu si­stema». – E magari uno dice: – «È simpatico». – L’astuzia e ‘o curaggio ‘e circula’ cu nu camionne cu ‘e documenti falsi… E pure se po’ dicere: -«È n’ommo scetato, tene fegato, ha creato nu mu-vimento…» – Quanta gente ha mangiato pe’ via ‘e sti camionne ca vanno e vèneno… E po’ ha miso pure a rischio ‘a pelle, pecché ncopp’ ‘a na strada pruvinciale se po’ abbusca’ pure na palla ‘e mu-schetto… ‘A prostituzione? Embe’, brigadie’… E ‘a guerra nun porta ‘a miseria? E ‘a miseria nun porta ‘a famma? E ‘a famma che porta? E ‘o vvedite? Chi pe’ miseria, chi pe’ famma, chi per ignoranza, chi pecché ce aveva creduto overamente… Ma po’ passa, se scorda, fernesce… ‘E gguerre so’ state sempe accussì… Avimme pavato… ‘A guerra se pava cu tutto… Ma ‘o mariuolo, no! È ove’, brigadie’?

Ciappa fa un cenno come per dire: «Son d'accordo».

Nun s’addeventa mariuolo pe’ via d’ ‘a guerra. Mo qualunque cosa damme colpa ‘a guerra. Mariuolo se nasce. E nun se po’ dicere ca ‘o mariuolo è napulitano. O pure romano. Milanese. Inglese. Francese. Tedesco. Americano… ‘O mariuolo è mariuolo sulamente. Nun tene mamma, nun tene pato, nun tene famiglia. Nun tene nazionalità. E nun trova posto dint’ ‘o paese nuosto. Tant’è vero ca primma d’ ‘a guerra,  ‘e mariuole pe’ fa’ furtuna attraversavano ‘o mare…

Amedeo   (non insospettito, ma perplesso) E pecché me dice chesto, papà?10721161_10204218666538820_253277371_n

Gennaro (non volendo compromettere in alcun modo il piano legale di Ciappa, ma cercando, nel contempo, di ricondurre il figlio sulla via onesta) No. Pecché… Siccomme ‘o paese nuosto nun porta na bon’ annummenata… Che vuo’ fa’? È na disgrazia… Appena sentono :  «napoletano», già se mettono in guardia. Pecché è stato sempe accussì. Quanno suc­cede nu furto di abilità, di astuzia dint’ ‘a n’atu paese d’ ‘o munno, pure si è ammentato pe’ fa’ ridere, se dà pe’ certo, e se dice ca s’è fatto a Napule. (Come una voce che corre) «Nun sapite niente? A Napule è sparito nu piroscafo cu tutto ‘o carico». E nun è overo, brigadie’. Nun po’ essere overo. Chi ce crede è in malafede. Ma scusate, comme sparisce nu piroscafo? Ch’è fatto nu portamonete? E po’ pure si è overo, allora io po’ dico n’ata cosa… Logicamente, si ‘o fatto è overo,  vuol  dire  ca   stu  mariuolo  napulitano  s’ha avuto pe’ forza mettere d’accordo cu n’atu mariuolo, ca nun è napulitano… Si no comme spariva stu piro­scafo? ‘E camionne, sì. Ma si è nu camionne, se dice ca ne so’ sparite ciento… Si esagera…Perciò… (al figlio) tu ca si’ giovane, avariss’ ‘a da’ ‘o buono esempio… accussì quanno te truove e siente ca parlano male d’ ‘o paese tuio, tu, cu tutt’ ‘a cuscienza, può dicere: – «Va bene, ma ce stanno ‘e mariuole e ‘a gente onesta, comme a dint’ ‘a tutt’ ‘e paise d’ ‘o munno».

 

(dall’Atto III di Napoli Milionaria! di Eduardo De Filippo – 1945)

 

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>