La torre

Scritto da Francesco Corigliano

Dark-towerSi ergeva la ferrea torre, incastonata nella sua conca di scuro metallo, innalzandosi possente e monolitica. Erosa, sporca, eppure impressionante nell’aspetto e nell’imponenza, dominava la vallata d’acciaio in cui era stata inserita, come precipitata, chissà quanti secoli prima. Ai confini della vallata, alte quanto l’edificio, stavano le incredibili mura, metalliche anch’esse e fuse in un’unica colata da artefici ignoti, provenienti forse da luoghi lontani.
D’un tratto, qualcosa sulla cima della torre millenaria si mosse; s’udì un borbottio, un gorgogliare confuso; poi dalla sommità colò un fluido nero, denso, incandescente, striato di sinistre venature brune. Velocemente scese lungo i fianchi della torre, si riversò sulla vallata metallica, raggiunse le mura mentre dalla cima dell’altissimo obelisco continuava a sgorgare inesorabile, a fiotti. Colmò il fondo della conca, s’accumulò, aumentando di livello e prendendo a ricoprire le mura.
Velocemente il liquame saliva, saliva, e ora fumando sommergeva la torre senza ch’essa rinunciasse ad eruttarne ancora e ancora; vomitando imperterrito il pilastro condannava la vallata, il suo antico dominio.
E quando il liquido raggiunse infine la cima della torre, ormai sul punto di traboccare oltre le mura, risuonò nell’aria un unico e potente grido: – Adalgisooo!
– Adalgiso! – urlò Marisa, – ma che stai a fare lì impalato!
– Guardo la moka.
– E non vedi che il caffè è uscito di fuori?

 

Questo mini-racconto appariva “il Quotidiano” del 27 settembre 2013. Quasi due anni fa! Che roba.

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>