Monthly Archives ottobre 2017

Halloween – La notte delle streghe: la trasfigurazione di tutti gli incubi e le paure possibili

Scritto da Francesco Grano

Si avvicina la notte più paurosa dell’anno e, per l’occasione, (ri)scopriamo una delle pietre miliari del genere horror

La sera del 31 ottobre del 1963 il piccolo Michael Myers (Will Sandin) uccide a coltellate la sorella maggiore Judith senza un apparente motivo. Quindici anni dopo, la sera del 30 ottobre 1978, Myers (Nick Castle) approfitta del suo trasferimento da un istituto psichiatrico all’altro per fuggire. A mettersi subito sulle sue tracce è il dott. Sam Loomis (Donald Pleasence), lo psichiatra che lo prese in cura dopo il brutale assassinio. Loomis intuisce fin dall’inizio qual è la destinazione di Myers: Haddonfield, la sua città natale...

Read More

L’ombra e il fantasma

Scritto da Luca Pizzimenti

“Well I’ll be damned
Here comes your ghost again
But that’s not unusual
It’s just that the moon is full
And you happened to call”
da Diamond and Rust dei Blackmore’s Night

Il punto della fotografia è di creare storie per analogie: tra geometrie e soggetti, tra persone ed espressioni, tra ombre e riflessi. Costruendo incontri impossibili eppure esistenti.
Come nella vita, gli incontri segnati dallo scattare dell’otturatore sono sì imprevedibili, ma mai (mai mai mai) casuali.
Ciò che determina il caso è la compresenza degli elementi. Essere meremente nello stesso posto allo stesso tempo, del tutto ignoti l’uno all’altro. Nell’incontro, si smette d’essere individui isolati...
Read More

The ancient and famous city of Los Angeles

Scritto da Elena Vetere

Trentacinque anni dopo la prima apparizione cinematografica dei replicanti e delle loro nemesi, i Blade Runners, il regista e sceneggiatore canadese Denis Villeneuve – già autore del recentissimo Arrival – ripropone al pubblico degli anni 2000 le vicende che traggono, ancora una volta, diretta ispirazione dal romanzo Do Androids Dream of Electric Sheep? (1968 ) del visionario Philip K. Dick.
Presentato come un sequel del rinomato predecessore, Blade runner 2049 punta a riproporre e far rivivere le fumiganti atmosfere ipermetropolitane concepite da Ridley Scott negli anni ottanta e portate ora all’estremo grazie anche all’ ottimo lavoro del direttore della fotografia Roger Deakins.

I primissimi fotogrammi palesano subito l’intento principale del film, che mira a stupire attraverso l’...

Read More

Homeland – Il post 11 settembre con l’agente Carrie Mathison

Scritto da Francesco Cerminara

11 settembre 2001. Basta citare la data per riaccendere l’incubo: aerei che colpiscono le Torri Gemelle del World Trade Center di New York, urla, fumo, sirene dei pompieri. Il grande dramma della nazione più influente al mondo che investe tutto l’Occidente. Guardare gli aerei in cielo, da quel giorno, rievoca brutti ricordi o fa temere il loro ripetersi. La pensa così Carrie Mathison, agente della Cia protagonista della serie tv Homeland di Howard Gordon e Alex Gansa, che non riesce a perdonarsi di essersi fatta sfuggire qualcosa in quella mattina del 2001. Il senso di colpa e un’inclinazione all’autodistruzione l’hanno accompagnata dalla prima fino alla sesta e per ora ultima stagione.

La signorina è bipolare e dopo aver ricevuto un’imbeccata crede che il “resuscitato” marine ...

Read More

Per Aspera ad Astra

Scritto da Giuseppe Balestra

Per Aspera ad Astra (2013)

Inchiostro su carta, tratteggio e puntinismo, 29,6 x 48cm

<< There are my ‘Poe’ pieces and my ‘Dunsany’ pieces – but alas – where are any ‘Lovecraft’ pieces? >>

(H. P. Lovecraft a Elizabeth Toldridge, 8 Marzo 1929.)

Giuseppe Balestra “GB”, 1991, è un illustratore autodidatta specializzato nell’uso di pennini ad inchiostro con tecniche classiche di Tratteggio e Puntinismo.

I suoi soggetti si rifanno spesso a Letteratura e Cinema, ed è infatti possibile trovare alcune delle sue locandine negli artbook PosterSpy’s Movie Poster Collection, edito in Francia e Inghilterra da PosterSpy e ARTtitude, e in The Thing: Artbook, edito negli USA da Printed in Blood e Stormking Production per celebrare i 35 anni del film “The Thing – La Cosa” di John Carpenter...
Read More

L’immagine che resta – Impressioni da Venezia ‘74

Scritto da Martina Puliatti

Conclusasi da qualche tempo la settantaquattresima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia i bilanci non tardano ad arrivare, come sempre facendo i conti con il famigerato scarto tra critica e pubblico, tra i commenti ancora vividi degli scontenti di turno e di quelli che si dicono comunque appagati dall’offerta ricevuta in quest’edizione così acclamata. Assieme all’interessante novità della “Virtual Reality” e alla presenza mai inosservata di produzioni Netflix, proprio come fu a Cannes, fa capolino una certa indecisione già collaudata che connota in particolare il “cinema d’autore”, non particolarmente brillante in questa occasione; nello stesso tempo però, si assiste a una sorta di favorevole risveglio del cinema italiano, presente a Venezia letteralmente in ...

Read More

Rune di un passato futuro

Scritto da Luca Vecchio

Credo che i Grizzly Bear non apprezzerebbero questa mia recensione, sempre ammesso che possano leggerla in qualche modo. Non perché sia una recensione raffazzonata e/o brutta (anche se questo lo lascio giudicare a voi ed in caso a loro) ma perché i GB sono evidentemente una band che non si lascia influenzare, che non scende a compromessi e che ha una libertà creativa ed espressiva ormai molto rara. Ed Roste, cantante e compositore di gran parte dei testi, ne è la perfetta esemplificazione. La sua attività social è sempre stata affascinante per me: si nota spesso che il suo esser Diva è un elemento vero, non costruito...

Read More