Quel che c’è dopo

Scritto da Francesco Corigliano

tarr2“E adesso?”
Goffredo guarda il comandante, mentre anche l’ultima pietra dell’ultima torre del castello abbattuto smette, infine, di rotolare.
“E adesso?” dicono anche gli altri uomini, col respiro che si fa meno affannoso, e il sudore che inizia ad asciugarsi.
“Adesso” fa Carlo, rinfoderando l’arma, “beh, adesso, adesso abbiamo finito”.
“E che si fa?”
“Come che si fa” sbotta lui, non riuscendo ad alzare troppo la voce, “si festeggia, si fa baldoria. O no? Sono due anni che noi si aspetto questo momento” prosegue poi, indicando il maniero distrutto, i vessilli in terra, i popolani che già accorrono festosi, “ora ci si gode la fama e la gloria, credo io. O no?”
Goffredo annuisce, tira su un sorriso leggero. “Eh sì, hai ragione, comandante...

Read More

Cultura televisiva e televisione per la cultura

Scritto da Francesco Corigliano

TV1Attenzione: in questo post si parla di TV. Si parla principalmente della televisione nazionale, si generalizza, si stereotipizza come se non ci fosse un domani. Attenzione!

A proposito della presunta impasse culturale della nostra Repubblica, l’altro giorno si diceva con degli amici che la sperimentazione e le novità continuano ad esistere anche oggi, ma che sono fuori dai canali di maggiore distribuzione. Credo che questo valga per tutte le forme artistiche, e che sia valido tanto in letteratura quanto nel campo figurativo, musicale eccetera.

Ora, interrogarsi per l’ennesima volta sul perché la massa non si interessi delle novità culturali – e della molteplicità delle loro forme – può risolversi in un esercizio sterile, se non si cambiano un po’ i punti di partenza della riflessione...

Read More

Viviamo nell’ennesimo Romanticismo?

Scritto da Francesco Corigliano

Caspar_David_Friedrich_-_Wanderer_above_the_sea_of_fogPensavo che le caratteristiche del nostro momento storico, culturale e sociale sembrano potersi accostare, tra le altre cose, a quelle del Romanticismo. Non intendo riproporre le solite teorie vichiane, ma soltanto portare l’attenzione su certe somiglianze – che magari non varranno per l’intera società occidentale, ma che in alcuni casi mi sembrano valide almeno per l’Italia. Il Romanticismo ha esaltato una sentimentale contemplazione ed esibizione di sé, una concentrazione sull’emozione che è diventata quasi valore. È stato il frutto di una reazione ad un certo tipo di razionalismo (quello illuminista, sebbene da quello stesso razionalismo – e in particolare dall’attenzione all’Io – esso abbia tratto anche forza)...

Read More

‘Post-Apocaliptic-Punk’

Scritto da Luca Vecchio

Qual è il posto migliore per immaginare uno scenario post-apocalittico?vietcong1

Io banalmente partirei dagli USA, magari è un’idea un po’ stereotipata ma credo che il mondo degli yankees sia un ottimo scenario. Poi potrei immaginarmi, sempre lavorando di stereotipi, gran parte del nord ed ovest europeo, oserei anche con una bella megalopoli asiatica, magari cinese come Ordos.
Però insomma, diciamocelo, anche viaggiando con la fantasia l’ultimo dei posti immaginabili potrebbe essere il Canada, in particolare Calgary, ridente città industrializzata che al massimo ha ispirato quel bonaccione e romanticone di Bon Iver. Eppure Calgary è il luogo di partenza dei Viet Cong, è lo scenario preferito da cui Matt Flegel trae ispirazione per i propri testi, il proprio immaginario e le sonorità intense...

Read More

La torre

Scritto da Francesco Corigliano

Dark-towerSi ergeva la ferrea torre, incastonata nella sua conca di scuro metallo, innalzandosi possente e monolitica. Erosa, sporca, eppure impressionante nell’aspetto e nell’imponenza, dominava la vallata d’acciaio in cui era stata inserita, come precipitata, chissà quanti secoli prima. Ai confini della vallata, alte quanto l’edificio, stavano le incredibili mura, metalliche anch’esse e fuse in un’unica colata da artefici ignoti, provenienti forse da luoghi lontani.
D’un tratto, qualcosa sulla cima della torre millenaria si mosse; s’udì un borbottio, un gorgogliare confuso; poi dalla sommità colò un fluido nero, denso, incandescente, striato di sinistre venature brune...

Read More

Scuola, chi valuta i valutatori

Scritto da Francesco Corigliano

ouroboros1Torno a frequentare questi bizzarri spazi dopo un lungo periodo di prigionia. Sì, perché nelle ultime settimane ho avuto molto – troppo – da fare al corso di abilitazione che sto frequentando, e che ormai si avvia alla conclusione. Il TFA, croce e delizia di insegnanti, ministri e studenti; il TFA, la mesta marcia verso un destino migliore, o peggiore, verso qualsiasi cosa che possa essere lì, oltre la nebbia.
Sulle dinamiche e la natura del TFA credo sia ormai inutile dilungarsi. La percentuale di tragedia umana che vi si può rintracciare è, suppongo, chiara a tutti. Solo su un punto mi sembra doveroso concentrarsi: che tipo di educazione occuperà le scuole nei prossimi anni?
Difatti, pare che davvero la tendenza della didattica contemporanea sia il concentrarsi esclusivamente s...

Read More

Primavera dei Teatri. Nuovi linguaggi della scena contemporanea

Scritto da antecritica

Riceviamo e pubblichiamo un avviso riguardo a un’interessante iniziativa teatrale.

Primavera dei Teatri

nuovi linguaggi della scena contemporanea

Castrovillari

29 maggio – 2 giugno 2015

XVI edizione

 

La direzione artistica di Saverio La Ruina e Dario De Luca rinnova in questa sedicesima edizione la propria volontà di tener fede alla vocazione esplorativa nei confronti degli artisti emergenti, rivolgendo il proprio sguardo alla nuova drammaturgia e alle compagnie di recentissima formazione, provando a intercettare anche i segnali più vitali sparsi nella penisola. Un’edizione che lancia e stimola e che, anche quest’anno, propone un cartellone ricco di prime nazionali.

Dopo il successo riscosso con Lo splendore dei Supplizi, presentato a Primavera dei Teatri 2013, la compagnia F...

Read More

Walpole e il caos di Otranto

Scritto da Francesco Corigliano

otranto-01Tutti hanno un amico un po’ incoerente e bislacco, uno di quelli che racconta storie piene zeppe di fatti, nomi e posti improbabili – storie e che quando abbiamo finito di sentirle ci sembrano, nonostante tutto (e incredibilmente) coerenti. Ebbene, anche nel 1764 qualcuno doveva avere un amico così, un amico di nome Horace Walpole – uno che pensò bene di pubblicare quella roba stranissima e strampalata che è Il castello di Otranto. Se nel XVIII secolo avessi avuto una wunderkammer ci avrei piazzato anche questo piccolo libricino, un miscuglio di temi protoromantici in ambientazione medievaleggiante, incastrato su una struttura da romanzo alessandrino; una massa traballante che davvero trabocca di cose ed eventi, al punto da sembrare spesso poco più che un canovaccio per un romanzo...

Read More

Zio Ettore

Scritto da Nunzia Procida

11291993_10205736911694000_877457599_nNo, io zio Ettore non me lo ricordo. Non me le posso ricordare: non ero ancora nata quando è morto. Nemmeno mio padre se lo ricorda: persino la foto in bianco e nero sulla sua lapide impedisce di ricostruire i colori del suo viso. Mio nonno diceva sempre che suo fratello era alto, biondo, con gli occhi azzurri o forse verdi; ma verde chiaro però: non come i suoi che erano sì verdi, ma verde bottiglia che, a guardarli bene, sembravano più marrone che verdi. Era alto zio Ettore; era alto assai. Era un bell’uomo, forte e gli piacevano più le donne del vino. Gli piacevano talmente tanto le femmine che persino il giorno che fu sparato era con una di loro: la moglie di Tanuccio, il tale che lo ammazzò...

Read More

Perché la Calabria?

Scritto da Francesco Corigliano

17197_836311016454077_7168085025997508375_nLa scorsa settimana mi è capitato tra le mani Perché la ‘ndrangheta, un breve pamphlet di Alessandro Tarsia, appena pubblicato dalla Pungitopo – una casa editrice dal nome, in questo caso, ben azzeccato.

Il libro di Tarsia, in effetti, infastidisce. Un fastidio appunto pungente, acuto, che prende qua e là. È uno di quei testi confezionati apposta, mirato, per bruciacchiare l’orgoglio di tutto e tutti. E il bello (o il brutto?) è che la Calabria non se lo merita, e insieme se lo merita eccome.

Perché è chiaro, infatti, che ci siano tante Calabrie...

Read More