Scuola, chi valuta i valutatori

Scritto da Francesco Corigliano

ouroboros1Torno a frequentare questi bizzarri spazi dopo un lungo periodo di prigionia. Sì, perché nelle ultime settimane ho avuto molto – troppo – da fare al corso di abilitazione che sto frequentando, e che ormai si avvia alla conclusione. Il TFA, croce e delizia di insegnanti, ministri e studenti; il TFA, la mesta marcia verso un destino migliore, o peggiore, verso qualsiasi cosa che possa essere lì, oltre la nebbia.
Sulle dinamiche e la natura del TFA credo sia ormai inutile dilungarsi. La percentuale di tragedia umana che vi si può rintracciare è, suppongo, chiara a tutti. Solo su un punto mi sembra doveroso concentrarsi: che tipo di educazione occuperà le scuole nei prossimi anni?
Difatti, pare che davvero la tendenza della didattica contemporanea sia il concentrarsi esclusivamente s...

Read More

Primavera dei Teatri. Nuovi linguaggi della scena contemporanea

Scritto da antecritica

Riceviamo e pubblichiamo un avviso riguardo a un’interessante iniziativa teatrale.

Primavera dei Teatri

nuovi linguaggi della scena contemporanea

Castrovillari

29 maggio – 2 giugno 2015

XVI edizione

 

La direzione artistica di Saverio La Ruina e Dario De Luca rinnova in questa sedicesima edizione la propria volontà di tener fede alla vocazione esplorativa nei confronti degli artisti emergenti, rivolgendo il proprio sguardo alla nuova drammaturgia e alle compagnie di recentissima formazione, provando a intercettare anche i segnali più vitali sparsi nella penisola. Un’edizione che lancia e stimola e che, anche quest’anno, propone un cartellone ricco di prime nazionali.

Dopo il successo riscosso con Lo splendore dei Supplizi, presentato a Primavera dei Teatri 2013, la compagnia F...

Read More

Walpole e il caos di Otranto

Scritto da Francesco Corigliano

otranto-01Tutti hanno un amico un po’ incoerente e bislacco, uno di quelli che racconta storie piene zeppe di fatti, nomi e posti improbabili – storie e che quando abbiamo finito di sentirle ci sembrano, nonostante tutto (e incredibilmente) coerenti. Ebbene, anche nel 1764 qualcuno doveva avere un amico così, un amico di nome Horace Walpole – uno che pensò bene di pubblicare quella roba stranissima e strampalata che è Il castello di Otranto. Se nel XVIII secolo avessi avuto una wunderkammer ci avrei piazzato anche questo piccolo libricino, un miscuglio di temi protoromantici in ambientazione medievaleggiante, incastrato su una struttura da romanzo alessandrino; una massa traballante che davvero trabocca di cose ed eventi, al punto da sembrare spesso poco più che un canovaccio per un romanzo...

Read More

Zio Ettore

Scritto da Nunzia Procida

11291993_10205736911694000_877457599_nNo, io zio Ettore non me lo ricordo. Non me le posso ricordare: non ero ancora nata quando è morto. Nemmeno mio padre se lo ricorda: persino la foto in bianco e nero sulla sua lapide impedisce di ricostruire i colori del suo viso. Mio nonno diceva sempre che suo fratello era alto, biondo, con gli occhi azzurri o forse verdi; ma verde chiaro però: non come i suoi che erano sì verdi, ma verde bottiglia che, a guardarli bene, sembravano più marrone che verdi. Era alto zio Ettore; era alto assai. Era un bell’uomo, forte e gli piacevano più le donne del vino. Gli piacevano talmente tanto le femmine che persino il giorno che fu sparato era con una di loro: la moglie di Tanuccio, il tale che lo ammazzò...

Read More

Perché la Calabria?

Scritto da Francesco Corigliano

17197_836311016454077_7168085025997508375_nLa scorsa settimana mi è capitato tra le mani Perché la ‘ndrangheta, un breve pamphlet di Alessandro Tarsia, appena pubblicato dalla Pungitopo – una casa editrice dal nome, in questo caso, ben azzeccato.

Il libro di Tarsia, in effetti, infastidisce. Un fastidio appunto pungente, acuto, che prende qua e là. È uno di quei testi confezionati apposta, mirato, per bruciacchiare l’orgoglio di tutto e tutti. E il bello (o il brutto?) è che la Calabria non se lo merita, e insieme se lo merita eccome.

Perché è chiaro, infatti, che ci siano tante Calabrie...

Read More

Dov’è il tuo amor (proprio)?

Scritto da Nunzia Procida

Cos’hanno in comune Wanna Marchi e Stefania Nobile con Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi?

La privazione della libertà: le prime hanno sperimentato il carcere, le seconde sono state vittime di un sequestro di persona.

Wanna Marchi e sua figlia sono state condannate per aver creato un’associazione per delinquere finalizzata alla truffa e all’estorsione con un giro di oltre 32 milioni di euro fra il 1996 e il 2001.

Fabrizio De Andrè e la sua compagna furono tra le 173 vittime che l’Anonima Sequestri rapì in Sardegna fra il 1966 e il 1994. Era l’agosto del 1979 quando i due artisti vennero tenuti prigionieri per quattro mesi e rimessi in libertà con un riscatto di 550 milioni di lire.

I nostri quattro personaggi, dunque, hanno sperimentato la prigionia per un’eccessiva brama di de...

Read More

La salsiccia, racconto di Frank Dürrenmatt

Scritto da antecritica

plate-illustrationUn tale ammazzò la moglie e ne fece salsicce. Il fattaccio si riseppe. Il tale fu arrestato. Fu rinvenuta un’ultima salsiccia. L’indignazione fu grande. Il giudice supremo del paese avocò il caso a sé. L’aula del tribunale è luminosa. Il sole irrompe dalle finestre. Le pareti sono specchi abbaglianti. La gente è una massa in ebollizione. L’aula ne è piena. Stanno seduti sui davanzali delle finestre. Sono appesi ai lampadari. Sulla destra luccica la testa pelata del pubblico accusatore. È rossa. Il difensore è a sinistra. Porta occhiali dalle lenti finte. L’accusato siede fra due poliziotti. Ha grandi mani. Le dita orlate di blu. Su tutti troneggia il giudice supremo. La sua toga è nera. La barba una bandiera bianca. Seri gli occhi. Chiara la fronte. Irte le sopracciglia...

Read More

Talìa, Otello

Scritto da Elena Vetere

otello-luigi-lo-cascio-_mg_3285Molto male. Mia madre ebbe quel fazzoletto da una zingara egiziana, una maga che sapeva leggere nel pensiero. Nel darglielo, la maga le aveva detto che finché l’avesse portato con sé, quel fazzoletto l’avrebbe fatta apparire sempre desiderabile e che mio padre sarebbe rimasto fedele al suo amore. Ma se lo avesse perduto o regalato sarebbe divenuta odiosa agli occhi di mio padre, e il suo cuore sarebbe andato a caccia di altri amori. Mia madre, morendo, lo diede a me, e mi fece promettere che se mi fossi sposato, l’avrei dato a mia moglie. Così ho fatto. Abbine cura e tienilo caro. (Otello, III, IV)

Il sabato 14 marzo al Teatro Auditorium dell’Università della Calabria, Luigi Lo Cascio ha rappresentato la sua riscrittura di Otello...

Read More

Editoria e (iper?)indipendenza

Scritto da Francesco Corigliano

fotoMaltaBastarda-620x412Riporto giusto un piccolo spunto, sul quale suppongo sarebbe necessario riflettere con calma e anche più abbondantemente di quanto posso fare io qui e ora.

Facciamo finta che le case editrici servano a selezionare i testi migliori (sto facendo finta) e a renderli disponibili al maggior numero possibile di persone interessate. Facciamo finta che le case editrici servano da setaccio, per isolare tra tanta produzione mediocre quella che è realmente meritevole. Ipotizziamo quindi che le case editrici abbiano l’autorità e la capacità critica di poter operare una scelta, di qualificare il valore di un prodotto culturale.

Prendiamo ora l’autopubblicazione digitale, quella cosa che a un certo punto ti fai da solo un ebook con le tue cose e lo pubblichi in giro su blog e siti, o lo vendi su A...

Read More

Eravamo quattro amici al bar e non sapevamo cosa volevamo cambiare

Scritto da Nunzia Procida

Ieri mattina, mentre navigavo nel vasto oceano della rete, mi sono ritrovata, inconsapevolmente, a vedere “Cara ti amo”, un film di Gian Paolo Vallati del 2011 che racconta la storia di quattro amici di vecchia data single e delusi dalle rispettive storie d’amore finite, come prevedibile, male. Il titolo ammicca all’omonima canzone di Elio e le Storie Tese sul cui testo sembrano costruirsi i quattro protagonisti: Rosario, Stefano, Paolo e Raffaele.

 cara

Il film inizia con una didascalia, “Ogni giorno, in Italia, circa 100.000 donne ricevono un invito al ristorante”, cui segue un montaggio di tre incontri nello stesso ristorante fra Rosario, autore televisivo prima e teatrale poi, e tre sue “ospiti”: una finta autonoma femminista, un’eterna indecisa, una logorroica...

Read More