Luigi Lo Cascio tagged posts

Talìa, Otello

Scritto da Elena Vetere

otello-luigi-lo-cascio-_mg_3285Molto male. Mia madre ebbe quel fazzoletto da una zingara egiziana, una maga che sapeva leggere nel pensiero. Nel darglielo, la maga le aveva detto che finché l’avesse portato con sé, quel fazzoletto l’avrebbe fatta apparire sempre desiderabile e che mio padre sarebbe rimasto fedele al suo amore. Ma se lo avesse perduto o regalato sarebbe divenuta odiosa agli occhi di mio padre, e il suo cuore sarebbe andato a caccia di altri amori. Mia madre, morendo, lo diede a me, e mi fece promettere che se mi fossi sposato, l’avrei dato a mia moglie. Così ho fatto. Abbine cura e tienilo caro. (Otello, III, IV)

Il sabato 14 marzo al Teatro Auditorium dell’Università della Calabria, Luigi Lo Cascio ha rappresentato la sua riscrittura di Otello...

Read More